Lunedì
16:45:39
Ottobre
17 2022

Iran: l'UE sanziona i responsabili di gravi violazioni dei diritti umani

View 5.1K

word 369 read time 1 minute, 50 Seconds

Oggi il Consiglio ha aggiunto all'elenco delle persone ed entità oggetto di misure restrittive nel contesto dell'attuale regime di sanzioni in materia di diritti umani in Iran undici persone e quattro entità in considerazione del loro ruolo nella morte di Mahsa Amini e nella risposta violenta alle recenti manifestazioni nel paese.

Tra le designazioni odierne figurano anche i nomi dei responsabili della morte di Mahsa Amini: la polizia morale iraniana e due suoi esponenti di spicco, Mohammad Rostami e Hajahmad Mirzaei. L'UE designa inoltre le forze dell'ordine iraniane (LEF) e alcuni dei relativi capi locali per il ruolo assunto nella brutale repressione delle proteste. È inserito in elenco anche Issa Zarepour, ministro iraniano delle Tecnologie dell'informazione e della comunicazione, per la sua responsabilità nel blocco di internet.

Le misure imposte oggi consistono nel divieto di viaggio e nel congelamento dei beni. È fatto inoltre divieto ai cittadini e alle imprese dell'UE di mettere fondi a disposizione delle persone ed entità inserite in elenco. Il regime di sanzioni in materia di diritti umani in Iran prevede inoltre il divieto di esportazione verso l'Iran di attrezzature che potrebbero essere usate a fini di repressione interna e di attrezzature per il monitoraggio delle telecomunicazioni.

L'elenco comprende attualmente un totale di 97 persone e 8 entità.

L'Unione europea e i suoi Stati membri condannano il diffuso e sproporzionato ricorso alla forza nei confronti di manifestanti pacifici, che è ingiustificabile e inaccettabile. Le persone in Iran, come in qualsiasi altro luogo, hanno il diritto di manifestare pacificamente, diritto che deve essere garantito in ogni circostanza.

L'UE si aspetta che l'Iran ponga immediatamente fine alla violenta repressione nei confronti dei manifestanti pacifici, liberi le persone detenute e garantisca la libera circolazione delle informazioni, compreso l'accesso a internet. L'UE si aspetta inoltre che l'Iran chiarisca il numero di persone decedute e arrestate e garantisca un giusto processo a tutte le persone detenute. L'uccisione di Mahsa Amini deve essere oggetto di debita indagine e qualsiasi persona che sia riconosciuta responsabile della sua morte deve essere chiamata a risponderne.

Source by Consiglio Unione Europea


LSNN is an independent publisher that relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources. LSNN is the longest-lived portal in the world, thanks to the commitment we dedicate to the promotion of authors and the value given to important topics such as ideas, human rights, art, creativity, the environment, entertainment, Welfare, Minori, on the side of freedom of expression in the world «make us a team» and we want you to know that you are precious!

Dissemination* is the key to our success, and we've been doing it well since 1999. Transparent communication and targeted action have been the pillars of our success. Effective communication, action aimed at exclusive promotion, has made artists, ideas and important projects take off. Our commitment to maintain LSNN is enormous and your contribution is crucial, to continue growing together as a true team. Exclusive and valuable contents are our daily bread. Let us know you are with us! This is the wallet to contribute.

*Dissemination is the process of making scientific and technical information accessible to a non-specialist public. This can come through various forms, such as books, articles, lectures, television programs and science shows.


Similar Articles / Iran: l'...tti umani