Giovedì
13:16:52
Dicembre
15 2022

Il Consiglio e il Parlamento europeo raggiungono un accordo provvisorio per colmare il divario retributivo di genere

View 5.8K

word 671 read time 3 minutes, 21 Seconds

La presidenza ceca e il Parlamento europeo hanno raggiunto un accordo provvisorio sulle norme sulla trasparenza salariale. La nuova legge dell'UE consentirà alle donne di far rispettare il principio della parità di retribuzione a parità di lavoro attraverso una serie di misure vincolanti sulla trasparenza salariale.

Non c'è dubbio che uomini e donne meritino di essere pagati con lo stesso stipendio se svolgono lo stesso lavoro. Ma purtroppo finora non è ancora così. Oggi stiamo facendo un grande balzo in avanti per colmare il divario retributivo di genere. Con questa nuova legge sulla trasparenza salariale diamo ai lavoratori la possibilità di far valere il loro diritto alla parità di retribuzione per lo stesso lavoro. Marian Jurečka, vice primo ministro ceco e ministro del lavoro e degli affari sociali ha commentato

Maggiore trasparenza salariale


Per evitare discriminazioni, i datori di lavoro devono assicurarsi che i propri dipendenti abbiano facile accesso ai criteri oggettivi e neutri rispetto al genere che utilizzano per definire la retribuzione e gli eventuali aumenti salariali. I lavoratori ei loro rappresentanti avranno inoltre il diritto di richiedere e ricevere informazioni sul proprio livello retributivo individuale e sui livelli retributivi medi dei lavoratori che svolgono lo stesso lavoro o lavoro di pari valore, suddivisi per sesso. I datori di lavoro devono anche indicare il livello o l'intervallo di retribuzione iniziale da corrispondere ai futuri lavoratori.

I datori di lavoro con più di 100 dipendenti devono fornire informazioni sul divario retributivo tra lavoratrici e lavoratrici nella loro organizzazione. I datori di lavoro devono condividere queste informazioni con l'autorità nazionale competente. Devono inoltre fornire queste informazioni ai loro lavoratori e ai loro rappresentanti. Le informazioni sono dovute annualmente o ogni tre anni, a seconda delle dimensioni dell'azienda.

Nei casi in cui tale rendicontazione retributiva dimostri una differenza nel livello retributivo medio tra lavoratrici e lavoratori di almeno il 5% e il datore di lavoro non abbia giustificato tale differenza con criteri oggettivi e neutri rispetto al genere, i datori di lavoro dovranno condurre una valutazione congiunta della retribuzione in collaborazione con i loro rappresentanti dei lavoratori. Tale accertamento retributivo congiunto dovrebbe includere misure volte a porre rimedio alle differenze retributive ingiustificate.

Risarcimento e altri rimedi

I lavoratori il cui datore di lavoro non ha rispettato gli obblighi del principio della parità retributiva, hanno il diritto di chiedere un risarcimento . I tribunali possono anche ordinare a un datore di lavoro di porre fine all'infrazione e adottare misure per rispettare il principio della parità di retribuzione.

Associazioni come organismi per la parità o rappresentanti dei lavoratori possono agire per conto di uno o più lavoratori per far rispettare il principio della parità retributiva.

Sfondo

Il diritto alla parità retributiva tra donne e uomini per pari lavoro o lavoro di pari valore è sancito dal trattato di Roma ed è stato concretizzato in ulteriori testi legislativi. Tuttavia, nonostante questo quadro giuridico, l'effettiva attuazione e applicazione pratica di questo principio rimane una sfida nell'UE.

Il divario retributivo di genere nell'UE è di circa il 13%. Ciò significa che le donne guadagnano in media il 13% in meno all'ora rispetto agli uomini . Ci sono una serie di disuguaglianze alla base di questo divario retributivo. Le donne sono sovrarappresentate in settori a retribuzione relativamente bassa come l'assistenza e l'istruzione, il cosiddetto soffitto di vetro le porta a essere sottorappresentate nelle posizioni di vertice e in alcuni casi le donne sono discriminate in quanto guadagnano meno degli uomini a causa della parità lavoro o lavoro di pari valore.

Prossimi passi

La proposta di questa direttiva è stata presentata dalla Commissione europea il 4 marzo 2021 e gli Stati membri dell'UE hanno concordato il loro approccio alla proposta il 6 dicembre 2021. I negoziati con il Parlamento europeo per concordare un testo comune sono stati avviati nel giugno 2022. Il presente accordo è stato raggiunto durante il quinto ciclo di negoziati.

Gli ambasciatori degli Stati membri dell'UE dovranno approvare l'accordo che sarà seguito dal consueto processo di adozione da parte del Consiglio e del Parlamento europeo.

Source by Redazione


LSNN is an independent publisher that relies on reader support. We disclose the reality of the facts, after careful observations of the contents rigorously taken from direct sources. LSNN is the longest-lived portal in the world, thanks to the commitment we dedicate to the promotion of authors and the value given to important topics such as ideas, human rights, art, creativity, the environment, entertainment, Welfare, Minori, on the side of freedom of expression in the world «make us a team» and we want you to know that you are precious!

Dissemination* is the key to our success, and we've been doing it well since 1999. Transparent communication and targeted action have been the pillars of our success. Effective communication, action aimed at exclusive promotion, has made artists, ideas and important projects take off. Our commitment to maintain LSNN is enormous and your contribution is crucial, to continue growing together as a true team. Exclusive and valuable contents are our daily bread. Let us know you are with us! This is the wallet to contribute.

*Dissemination is the process of making scientific and technical information accessible to a non-specialist public. This can come through various forms, such as books, articles, lectures, television programs and science shows.


Similar Articles / Il Consi...di genere